GARIBALDI

Che cosa distrugge più rapidamente del lavorare, del pensare, del sentire senza un’intima necessità, senza una scelta profondamente personale, senza un piacere, come un’automa del dovere? Questa è addirittura la ricetta della decadenza, e persino dell’idiozia